Dopo Modena e Ferrara ora è la volta di Vicenza che accoglierà al Teatro Comunale il Balletto Yacobson di San Pietroburgo con La bella addormentata.

Nella pluralità dei linguaggi di scena presentati da Danza in Rete Festival | Vicenza – Schio arriva il momento tanto atteso dal pubblico, dedicato al balletto classico: giovedì 7 marzo alle 20.45 in programma  il più sfarzoso dei balletti del repertorio imperiale russo, presentato in prima regionale al TCVI dal Balletto Yacobson di San Pietroburgo.

Il balletto in tre atti, una produzione con musica di Petr Il’ic Cajkovskij,su librettodi Ivan Vsevolozhsky, Marius Petipa e Jean-Guillaume Bart,coreografia diJean-Guillaume Bart da Marius Petipa, scene e costumi di Ol’ga Šaišmelašvili, luci di Evgeny Ganzburg,è una recente produzione della compagnia russa realizzata in collaborazione con Jean-Guillaume Bart, coreografo francese di fama internazionale, raffinato studioso dello stile accademico ed ex-ballerino del Balletto dell’Opéra di Parigi; Bart ottenne il titolo di étoile all’Opéra proprio grazie all’interpretazione nel ruolo del Principe Désiré in questo balletto.

Con questa produzione la compagnia russa Balletto Yacobson di San Pietroburgo dimostra come sia possibile allestire con successo, anche in versione ridotta rispetto allo sfarzo dell’epoca imperiale, uno dei capolavori più sontuosi del balletto russo, l’ultimo dei ballet de cour.  Con un organico di una cinquantina di danzatori provenienti dalle migliori accademie di balletto russo, la compagnia, oggi diretta dall’ex primo ballerino del Mariinskij Andrian Fadeev, porta in scena una versione tradizionale del balletto, con una particolare attenzione alle edizioni francesi. Gli interpreti, in scena nei ruoli principali, saranno: il Re Florestano – Sergey Davydov, La Regina – Angelina Grigoreva, la Principessa Aurora – Alla Bocharova, il Principe Désiré – Andrey Sorokinc, la Fata dei Lillà – Anna Skvortsova,la Fata Carabosse-Svetlana Golovkina,  Catalabutte – Tasman Davids, la  Principessa Florine – Sofia Matyushenskaya e l’uccellino azzurro – Kirill Vychuzhanin.

Il ritorno in Italia del Balletto Yacobson di San Pietroburgo è un’occasione per scoprire o riscoprire l’opera di Leonid Yacobson, oggi considerato un maestro della coreografia del Novecento, nonostante il suo nome non sia così noto al grande pubblico. Custode e testimone dell’opera del coreografo sovietico, finalmente protagonista di un revival in corso in Russia e già avviato in Occidente, è la compagnia che oggi porta il suo nome, pronta a diffonderne l’opera nella tournée italianain corso in queste settimane; dopo la data di Vicenza il Balletto Yacobson sarà a Udine al Teatro Nuovo Giovanni da Udine, sempre con La bella addormentata, sabato 9 marzo.

 

Peril balletto La bella addormentatain programma giovedì 7 marzoal TCVI restano ancora dei biglietti.

 

Informazioni, biglietti:

www.festivaldanzainrete.it

 

 

 

 

Condividi Su:

Commenta

 

Cerca: