Come di consueto ritorna a fine settembre il festival di MilanOltre al Teatro Elfo Puccini di Milano (27.09-13.10)

La 33ª edizione di MilanOltre si apre al Teatro Elfo Puccini di Milano il 27 settembre  con il ritorno della Compagnia Zappalà Danzacon A. semu tutti devoti tutti?, creazione definita “eccellenza di danza”, accolta con riconoscimenti della critica e ovazioni del pubblico. Inoltre il focus è dedicato a due creazioni di MoDem CZD2, la giovane Compagnia Zappalà Danza che nasce da giovani danzatori scelti al termine del percorso MoDem PRO con la collaborazione di una nuova generazione di coreografi.

Si prosegue con un’altra Artissa Associata, Simona Bertozzi/Nexus e il suo lavoro con danzatori giovanissimi. Agon – Teens e poi con Joie de vivre. 

Fattoria Vittadini firma una  prima nazionale con Eutropia, la nuova opera di Susanna Beltrami con musica originale composta e suonata dal vivo da Cesare Picco,  Ballade, preghiera profana. 

La Compagnia Simona Bucci è al festival con due creazioni: Interrogai me stesso Fr. 124 e Still there within

New Ocean di Richard Siegal

Un focus in Sala Shakespeare è dedicato alle opere di Virgilio Sieni: Petruska, La Natura delle cose e Solo Goldberg Variations con pianoforte dal vivo di Andrea Rebaudengo.

La kermesse prosegue con la versione definitiva di A[1]BIT Sanpapiè e il nuovo progetto internazionale di Diego Tortelli (Artista associato), Shifting Perspective: un’esperienza performativa da seguire in piedi e liberamente nello spazio che rende il pubblico partecipe di una serie di scelte sia musicali che spaziali nel corso della rappresentazione, anche attraverso un account Instagram – @yourownperspective- dedicato nel quale pubblicare immagini scattate durante lo spettacolo.

La sezione Vetrina Italia Domani, ospita Stefano Fardelli sostenuto da DanceHauspiù con Holyland e una selezione di tre giovani coreografi/danzatori – Martina Gambardella, Giorgia Fusari, Lorenzo Morandini –  che nell’ambito del progetto Incubatore C.M.I.D. 

Dalla Germania Richard Siegal/Ballet of Difference con New Ocean (per il centenario dall nascita di Cunningham). Infine due coreografie di Cristina Kristal Rizzo: ULTRAS, Sleeping Dances VN.

Per concludere Danzare la storia sarà conferenza danzata guidata dalla narrazione storica di Alessandro Pontremoli (Università di Torino).

Condividi Su:

Commenta

 

Cerca: