Vigilio Sieni protagonista a MilanOltre

Virgilio Sieni, in scena dal 4 al 6 ottobre al Teatro Elfo Puccini di Milano.

Venerdì 4 ottobre alle ore 20.30 apre questo ritratto del coreografo Petruska, rilettura del capolavoro di Stravinsky e composto da due brani coreografici: Chukrum e Petruska.

Il primo è considerato un gioiello coreografico. È una sorta di prologo danzato sulla composizione di Giacinto Scelsi, che sembra addentrarsi nel “notturno del corpo”, svelando piani percettivi in un mondo di forze ancestrali. Chukrum propone quattro quadri che introducono un altro punto di vista del fantoccio Petruska e delle sue vicende “umane”: uno sguardo sulla natura dell’uomo, dove il lato oscuro non è altro che l’essenza del corpo nel suo mostrarsi orfano di orpelli.

Sabato 5 ottobre alle ore 20.30 va in scena per il Festival MilanOltre l’atteso riallestimento de La Natura delle cose ispirato al De rerum natura di Lucrezio che mira a raggiungere la profondità e l’essenza delle cose per poter fare attraverso la danza una riflessione sull’oggi.

La natura delle cose
ph. Roberto Di Stefano

La creazione di Virgilio Sieni vanta la prestigiosa collaborazione di Giorgio Agamben, tra i più importanti e originali filosofi del nostro tempo, noto e tradotto a livello mondiale e, il testo dello spettacolo è stato letto e registrato da Nada, che per la prima volta offre il suo contributo vocale in uno spettacolo di danza.

Infine, il 6 ottobre alle ore 19.00 un altro capolavoro, Solo Goldberg Variations danzato da Sieni stesso e accompagnato dall’esecuzione dal vivo al pianoforte di Andrea Rebaudengo.

Solo Goldberg Variations rappresenta il manifesto dell’arte coreografica di Virgilio Sieni, emblema delle sue ricerche sul corpo e sui linguaggi della danza e dell’arte, sempre protese a oltrepassare gli approdi formali e le codificazioni. In questo lavoro la musica di Bach definisce una metrica e un’architettura immateriale in cui il danzatore si iscrive attuando un continuo ripensamento del corpo e accennando a un articolato percorso di figure prostrate, tratte dall’arte italiana dal ‘300 al ‘600.

Completa il focus dedicato a Sieni, la presentazione, il 4 ottobre alle ore 19.00, del libro edito da Fondazione Giangiacomo Feltrinelli Dizionario minimo del gesto Corpo, movimento, comunità nella danza di Virgilio Sieni, testi di Mattia Palma, disegni di Arianna Vairo, con un’intervista a Virgilio Sieni.

 

Ulteriori info: http://www.milanoltre.org

Condividi Su:

Commenta

 

Cerca: