Creato in risposta a questi tempi straordinari, Queensland Ballet ha presentato in anteprima un nuovo corpus di opere: 60 ballerini, 60 storie.

Nel loro sessantesimo anno, i 60 talentuosi artisti del Queensland Ballet hanno creato 60 nuove opere basate sul tema dell’AMORE.

Il direttore artistico del Queensland Ballet Li Cunxin ha affermato che le opere sono nate dal nostro desiderio di esprimere il nostro amore e gratitudine ai nostri sostenitori e al nostro pubblico e dal desiderio dei ballerini di mostrare il loro apprezzamento per tutto il sostegno e l’incoraggiamento che hanno ricevuto in questo momento difficile.

“Ognuno di questi nuovi pezzi è stato concettualizzato, coreografato, eseguito e filmato dai nostri ballerini per creare un corpus di opere davvero stimolanti, fantasiose, autentiche e originali”, ha affermato. “Mentre il mondo è cambiato in modi che non potevamo immaginare, c’è una cosa di cui possiamo essere certi – ora più che mai – l’arte deve prevalere”, ha affermato Li.

60 ballerini: 60 storie presenteranno due video ogni giorno sui canali social del Queensland Ballet durante il mese di giugno. Matthew Lawrence, coordinatore del progetto e QB Ballet Master, ha affermato che è il primo progetto di questa portata nel mondo.

 

Victor Estevez e Solista senior Mia Heathcot in Ave Maria

“Un progetto di questa scala, 60 nuovi lavori, con collaborazioni multiple, sia locali che internazionali – non è mai stato tentato prima in una compagnia di danza. È un’esplosione di creatività, basata sulla nostra spinta a sopravvivere come organizzazione, intatta e in contatto con il nostro pubblico. ” “60 ballerini: 60 storie, per me, sono una narrazione di lotta, determinazione e successo contro le probabilità; evocativo dello spirito del Queensland! Di ballerini che creano pezzi meravigliosi e coinvolgenti, dalle loro case confinate o ambienti all’aperto, senza budget e risorse limitate a loro disposizione. La maggior parte dei ballerini, prima di questo progetto, non aveva mai coreografato o filmato la danza prima, e la loro realizzazione è la testimonianza dei meravigliosi mentori musicali, coreografici e di montaggio, che hanno supportato i ballerini nella produzione di alcune eccezionali opere d’arte”, ha affermato Lawrence. Caratteristica è la varietà di luoghi in cui i ballerini creavano e collaboravano, da uno stato all’altro, attraverso il Tasman e in tutto il mondo. Victor Estevez ha lavorato con la sua famiglia a Cuba, dove ha suonato e registrato la musica appositamente per il suo pezzo. Lucy Green e Samuel Packer hanno lavorato con il compositore australiano Peter Wilson. Mentre Paige Rochester e Mali Comlekci hanno utilizzato un’opera del giovane compositore australiano George Bokaris. Ci sono anche composizioni originali del nostro team musicale e ballerini. Quando il COVID-19 ha colpito, la società ha deciso che era meglio interrompere il lavoro di tutti i partner tranne le coppie all’interno dell’azienda. Approfittando di questa scappatoia, l’artista principale Victor Estevez e Solista senior Mia Heathcote hanno lavorato insieme per creare un set di lavoro per Ave Maria. Heathcote ha detto che non aveva mai considerato la coreografia prima, ma ora lo considera qualcosa che le piacerebbe sviluppare.

“Non è sempre facile  poter esprimere ciò che vuoi dire attraverso il movimento, specialmente se lavori in gruppo. Tutti pensano ed esprimono in modo così diverso, ma questa è stata anche la bellezza di questo processo, che ci ha spinti fuori dalla nostra zona di comfort e ci ha fatto lavorare e pensare con una prospettiva diversa da quella a cui siamo abituati”, ha detto Heathcote del suo lavoro con Estevez .

 Quando le esibizioni sul palcoscenico furono annullate a causa delle restrizioni per la distanza sociale, il Queensland Ballet fece una promessa ai suoi sostenitori, di mantenere viva l’arte – Keep the Magic Alive –, e di trovare nuovi modi per ispirare e intrattenere ogni giorno  la comunità. Da quella promessa è nata una campagna e con essa un impegno da parte dell’azienda a prendersi cura dei suoi ballerini e dello staff durante la crisi. Per sostenere gli sforzi del Queensland Ballet, un donatore anonimo si è offerto di quadruplicare le donazioni fatte durante il mese di giugno. “Speriamo di raggiungere il nostro obiettivo di un milione di dollari entro il 30 giugno di quest’anno. Riteniamo che sia realizzabile con la generosa offerta del nostro donatore di fiammiferi. “Basti pensare che $ 25 di donazione da parte del pubblico equivalgono a $ 100, che il Queensland Ballet può usare per mantenere in vita la Magia nel 2020 e pianificare un forte ritorno nel 2021 “, ha detto Li.

Per ulteriori informazioni o per effettuare una donazione, visitare keepthemagicalive.com.au Per visualizzare i canali Facebook e Instagram del Queensland Ballet.

Condividi Su:

Commenta

 

Cerca: