INTERPLAY, il festival di danza contemporanea di Torino che proprio quest’anno compie 20 anni annuncia il suo programma autunnale ragionato su un progetto di spettacoli con soli o duetti di coppie di fatto, rimandando le compagnie internazionali alla prossima edizione.

La sfida, il tema del festival di quest’anno, resta il fil rouge degli spettacoli autunnali e anzi diventa la sfida del Festival stesso nel resistere e continuare a proporre spettacoli di grande qualità nonostante le tante incertezze economiche.

Interplay propone così una formula che è cara alla sua programmazione fin dagli esordi, ovvero quella di presentare spettacoli e interventi coreografici in luoghi non convenzionali, mescolandosi alle attività della città e intercettando così nuovi pubblici. Ma non solo: tra settembre e novembre incontra la programmazione di altre manifestazioni con cui, in questo tempo difficile, si sono consolidati rapporti di dialogo e incontro. Saranno così 10 le compagnie programmate su 3 mesi, incontrando 2 festival1 stagione, utilizzando 3 teatri, 1 museo, 1 spazio multidisciplinare, 1 centro commerciale, 1 piazza.

Il primo appuntamento di questa seconda parte di festival sarà il 4 settembre a Cuneo nell’ambito di MIRABILIA, dove Interplay Diffuso presenta la performance Manbuhsa di PABLO GIROLAMI, artista selezionato alla Vetrina Anticorpi XL 2019 per la freschezza della sua ricerca coreografica che coniuga il linguaggio della danza più formale con quella più espressionista teatrale. È risultato l’unico artista italiano selezionato dalla rete spagnola a Cielo Abierto per un tour di 6 date in Spagna.carlo Massari

Il 26 settembre ci si sposta a Collegno per la stagione della LAVANDERIA A VAPORE / CENTRO DI RESIDENZA PER LA DANZA, dove Interplay propone la perfomance multidisciplinare firmata dal coreografo DANIELE NINARELLO, artista torinese che si è distinto sulla scena nazionale per la sua capacità coreografica e performativa di grande originalità e coerenza, che lavorerà con l’artista visiva polacca di adozione torinese GOSIA TURZENIECKA. Il duo, in un lavoro co-firmato, trasporterà su muro, attraverso la manualità e il segno pittorico di Gosia, quello coreografico di Daniele. Un’opera creata all’istante, ma di cui rimarrà memoria sui muri esterni della Lavanderia a Vapore.

Interplay incontra anche TORINODANZA festival il 2, 3 e 16 ottobre con tre appuntamenti negli spazi esterni delle Fonderia Limone di Moncalieri. Nelle stesse serate, in teatro, saranno programmati artisti che fanno parte della storia di Interplay, rafforzando la liaison tra le due manifestazioni.
Il 2 ottobre alle ore 20.00 il toccante spettacolo di CARLO MASSARI della compagnia C&C che propone la versione al femminile di A peso morto, uno spettacolo graffiante, una sorta di fotogramma di una periferia senza tempo e identità. La protagonista si sente una comparsa passiva di una città che non riconosce, di una periferia voluta, desiderata, ma sottratta a morsi nell’inutile e alquanto misteriosa nuova definizione di “Città Metropolitana”, che significa tutto e il suo contrario e che sprofonda nell’oblio.

Carlo Massari – A peso morto

Il 3 ottobre alle ore 20,00 la magica performance di DANIELE NINARELLO ispirato alle figure degli homeless, custodi dei desideri inauditi: God Bless You, lavoro selezionato dalla rete internazionale Marcher Commun e presentato in tour in diversi festival di danza in urbano. Chiude il trittico di spettacoli, il 16 ottobre sempre alle ore 20.00, il duetto Vincere vincere vincere di MARIO COCCETTI, dove si indagano le tecniche della sfida e della vittoria prendendo come riferimento i cambiamenti del linguaggio comune e la forsennata necessità dell’Essere Umano di primeggiare.

A novembre saranno presenti la coreografa Sara Sguotti, il collettivo DEWEY DELL, la toccante performance Seeking Unicorns di CHIARA BERSANI.

Condividi Su:

Commenta

 

Cerca: