Saburo Teshigawara è stato premiato sabato scorso alla Biennale di Venezia.

Il coreografo e danzatore, pittore, scultore, disegnatore giapponese che ha imposto un’estetica nuova con la sua personalissima qualità del movimento torna in prima nazionale il 6 novembre a Ferrara dopo quattro anni da The Idiot con l’attesissimo spettacolo Lost in dance, a novembre, dopo il debutto a Stoccolma nel 2019

È infatti il coreografo e danzatore, pittore, scultore, disegnatore giapponese che ha imposto un’estetica nuova con la sua personalissima qualità del movimento, il Leone d’oro alla carriera del 16° Festival Internazionale di Danza Contemporanea della Biennale di Venezia. La sua pratica abbraccia una vasta gamma di discipline, dal teatro alle arti visive, dal film/video fino alla progettazione di scenografie, luci e costumi per tutti i suoi spettacoli.

A quattro anni di distanza Saburo Teshigawara torna a Ferrara, città che ha avuto modo di seguire il percorso dell’artista giapponese sin dal 2001. L’ultima volta era stato al Teatro Comunale “Abbado” con The Idiot (2018, unica data in Italia), spettacolo che traduce in danza il capolavoro di Fëdor Dostoevskij. Ci torna ora con Lost in dance. Lo spettacolo arriva in Italia, in prima nazionale proprio nella città emiliana. Presentato per la prima volta all’Avana, Cuba, durante l’estate del 2018, e nella versione integrale a Stoccolma nel settembre 2019. L’evento è in programma domenica 6 novembre (ore 16), per lo storico Festival di Danza Contemporanea del Teatro Comunale di Ferrara.

Lost in dance di Saburo Teshigawara e Rihoko Sato è l’arte della danza nella sua forma più cruda e concentrata; come sempre è quando l’acclamato veterano della danza internazionale Saburo Teshigawara crea le sue opere d’arte. “Non vivo per ballare – afferma il coreografo e ballerino giapponese  – Quando c’è qualcosa che voglio esprimere, se ho una penna sarà poesia, se ho una tela davanti a me sarà un dipinto, e se c’è spazio intorno a me diventerà una danza”. Artista a tutto tondo, nel duetto di Lost in dance è coreografo, autore, responsabile della regia, del design delle luci, del collage sonoro ed è performer sul palco. Con lui, protagonista è Rihoko Sato, sua partner e collaboratrice da oltre vent’anni. Lost in dance è anche un incontro tra la danza e alcune sonate per pianoforte ricche ed emotivamente sature di Beethoven.

Condividi Su:

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cerca: